Solo uno dei motivi per cui AMIAMO l'Africa

Africa ... La cultura, la moda, l'arte, la fauna selvatica e le persone meravigliose, ce ne siamo innamorati molto tempo fa

Serrekunda

Incontriamo persone quasi quotidianamente che dicono che sono state cambiate dall'Africa. Qualche energia invisibile o aura che continua a tirarli indietro, di volta in volta. È nella felicità anche delle persone più povere. La diversità della cultura tra paesi e tribù. I vasti luoghi selvaggi con i loro animali unici e fragili. L'abbiamo sentito ... dovresti farlo anche tu!

Io che mangio con il villaggio

7 anni fa. Agli inizi di Continent Clothing, stavo soggiornando in Gambia per un incontro su misura e per fare una visita di prova. Il viaggio è stato geniale. Mi ero incontrato con successo e ho iniziato a lavorare con 5 diversi sarti per la mia prima collezione. Comprati innumerevoli splendidi tessuti con colori e geometrie sorprendenti. Ma il viaggio è stato lungo, 6 mesi nello stesso posto di lavoro e di lavoro ... la polvere, il calore, alcune persone, tutto stava diminuendo nel suo fascino. Avevo bisogno di ricordarmi perché ho iniziato questo, perché ho amato l'Africa. Io e alcuni dei miei amici (John, Adama, Yaya) abbiamo deciso che era tempo di una vacanza in stile africano.

The Gambian Boys

Una strada tranquilla, un nastro di asfalto sempre più lontano nella boscaglia, proseguendo ancora di più nella savana. Lungo questa strada la città divenne un lontano ricordo. Potevo sentire i fastidi della città lavarsi via con il vento sabbioso della savana. Diverse ore di guida attraverso paesaggi selvaggi e stereotipati africani su una strada abbandonata siamo arrivati ​​a destinazione, Janjanburegh. Un piccolissimo, antico villaggio coloniale situato su un'isola nel fiume Gambia. Case ricoperte di paglia fiancheggiavano la riva del fiume e enormi alberi di elefante punteggiavano la strada tradizionale. Per tutto il tempo il fiume serpeggiava lentamente e silenziosamente. Bellissimo.

Albero su una lunga strada

Nello spirito di recupero, abbiamo deciso di andare ancora più fuori dai sentieri battuti e guidare nella boscaglia lungo una sabbia setosa e una pista frastagliata e scossa. Le scimmie correvano giocosamente attraverso i rami degli alberi che ci seguivano. Andiamo sempre più in profondità e ci imbattiamo in due capanne vuote costruite a metà, sedute in un appezzamento di terra meravigliosa con il fiume in fondo. Giaceva lì Seikou, un costruttore locale che faceva una piacevole pausa pomeridiana in una delle capanne. Una breve risata e poi una chiacchierata hanno portato Seikou ad accordarci per rimanere qui stasera. Gli abbiamo consegnato 50 Dalassi e siamo partiti.

Il fiume Gambia

Il nostro obiettivo era il relax, quindi abbiamo acceso un piccolo fuoco il più vicino possibile al fiume. Dopo un'ora di tranquillità sentiamo il debole rombo di un motore e l'inconfondibile rumore delle gomme che sbattono su e giù sulla strada carica di buche. Abbiamo pensato che fosse strano considerando che la strada non portava da nessuna parte e che distanza dalla civiltà ci eravamo allontanati. Si è rivelato essere Seikou, questa volta con altri due ragazzi, un secchio di bevande, una grande ciotola di Domada (African Peanut Soup) e due materassi tutti stipati sul retro di uno dei taxi locali dall'aspetto traballante. L'esibizione di generosità e cordialità era ovviamente troppo buona per essere rifiutata, figuriamoci un materasso invece di un'ardesia di cemento nelle capanne costruite a metà. Così abbiamo iniziato una grande notte di golosità e conversazione dal calore del fuoco.

fuoco sul fiume

Le conversazioni reciproche e le nostre diverse culture sono continuate per tutta la notte. Ci siamo scambiati tra la nostra musica suonando dolcemente in sottofondo. Scambiare storie sul freddo umido e cupo britannico con storie di caldo intenso e polverose tempeste di sabbia dei venti annuali di Harmattan. Dopo ore di risate senza sosta, siamo stati bruscamente interrotti da un enorme ruggito e schizzi provenienti da quello che sembrava a pochi metri di distanza nel fiume. Scossi e confusi, abbiamo chiesto alla gente del posto quale rumore avrebbe potuto essere ... un po 'troppo calmo (per niente sorpreso), hanno detto ippopotami. Il mio unico pensiero ... "Solo in Africa".

Scimmia nell'albero

Il giorno dopo ero pieno di gioia, un mini battesimo di amicizia, fauna selvatica e generosità. Un anno dopo e fino ad oggi mi ricordo ancora questa storia ogni volta che mi sento giù. Questa storia, e molte altre simili, è il motivo per cui amo l'Africa. Il mix di luoghi selvaggi, la gentilezza delle persone quando non hanno nulla e la diversità rispetto alle città, ai paesi e alle tribù in tutto il continente.

Io sul fiume Gambia

Per quelli di voi che sono stati in Africa, inviateci uno scatto o chattate sul perché lo amate. Condivideremo ogni grande foto sui nostri social media. Coloro che non hanno messo piede sul suolo africano, ti incoraggiamo a farlo e non potremmo raccomandarlo di più. C'è povertà e fame ... c'è incertezza politica poiché le nostre notizie riportano esclusivamente ... ma sotto c'è molto di più.